2013/2016

 

 “I couldn't be anything else” è una raccolta di ritratti di giovani uomini africani, che hanno lasciato il loro paese in cerca di opportunità. Da Uganda, Ruanda, Congo, Nigeria, Zimbabwe sono arrivati a Cape town con il desiderio di cambiare la propria vita, di realizzarsi.  Il contesto cittadino è l'ambiente in cui si fanno strada perseguendo il oro scopo, dove tra progetti creativi, artistici o di business stanno costruendo il loro percorso.  Il ritratto  si sofferma su quello che oggi sono all'interno del normale scorrere del tempo. 

Ho poi chiesto loro di fornirmi delle vecchie fotografie personali, fondamentali frammenti del passato , che completano l'installazione.

 
"I couldn't be anything else" it's a collection of portraits about some young african men which have left their Country looking for opportunities. They come from Uganda, Rwanda,Congo, Nigeria, Zimbabwe,  and they are in Cape town hoping to change their own life, to succeed. The town is where they work among creative artistic and business projects. They are pursuing an objective, in their own everyday life. The portrait  lingers on who thei are during the normal time flow.
I asked to each of them to provide me some of their personal pictures, fundamental fragments of their past to complete the installation.